<div style="background-color: none transparent;"><a href="http://www.agenparl.it" title="Agenparl News Widget">Agenparl News Widget</a></div>
martedì 23 gennaio 2018 | 04:39
 Edizione del 20/11/2017
 
 Prima pagina
 Valtrompia
 Cooperativa l'aquilone
 IL GIORNALE DI LUMEZZANE
 Associazione Artigiani
 Armando Dolcini
 Gocce di storia
 CareDent
 Attualità
 Carta sprecata
 Inserzioni
 Edizioni precedenti
 Informazioni
 Contattaci
 Home page






DIRETTORE RESPONSABILE
Piero Gasparini
e-mail: direzione


REDAZIONE:
e-mail: redazione
Via San Carlo,5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473


SEGRETERIA:
e-mail: segreteria


GRAFICA:
ACV – AGENZIA GIORNALISTICA E PUBBLICITARIA
e-mail: grafica




PUBBLICITÀ:
La raccolta è affidata alla ACVPG
Via San Carlo, 5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473 –
E-mail: ACVPG





La professionalità degli armaioli
Conferenza stampa di presentazione del nuovo anno scolastico del Corso T.I.M.A. (Tecnico dell’Industria Meccanica Armiera)
Articolo completo in forma testuale



La professionalità degli armaioli
( VERSIONE TESTUALE )

L'anno scolastico coincide anche con il rinnovo dell’accordo che lega l’Istituto d’Istruzione Superiore Carlo Beretta di Gardone Val Trompia ad enti, pubblici e privati, che concorrono alla buona riuscita di questo importante progetto educativo. Primo a prendere la parola è stato il dirigente scolastico, prof. Stefano Retali, che ha ringraziato la Provincia di Brescia, i Comuni di Gardone Val Trompia e Marcheno, rappresentati rispettivamente dal sindaco Pierangelo Lancelotti e dall’assessore Raffaella Contessa, la Comunità Montana di Valle Trompia, con il suo presidente Massimo Ottelli, Confartigianato, ANPAM, Fabbrica d’Armi Pietro Beretta, Gaburri Associati e il soggetto propulsore, il Consorzio Armaioli Italiani, rappresentato dal presidente Dott. Pierangelo Pedersoli.
Presente alla conferenza stampa anche la referente del Corso T.I.M.A., professoressa Stefania Pasolini. Retali ha ricordato gli esordi della riattivazione del corso dedicato alla figura del tecnico armiero, con meno di una cinquantina di studenti e lo scetticismo di tanti, per poi fornire una serie di numeri che invece fanno ben sperare per il futuro dell’offerta formativa dedicata al settore armi sportive. “Siamo arrivati ad un totale di 155 studenti di cui 12 esterni all’istituto professionale “Zanardelli” e circa 70 studenti solo per il primo anno: le adesioni sono più che triplicate, tanto che non riusciamo a soddisfare tutte le richieste di iscrizione e l’insegnamento arriva, con l’inserimento del quinto anno, a ben 504 ore”.
Sembra, quindi, che Gardone sia in controtendenza rispetto al panorama del resto del Paese, dove gli istituti professionali registrano, invece, cali anche drastici di iscrizioni. Questo, probabilmente, anche grazie al corpo docenti, formato esclusivamente da esperti del settore, armaioli e progettisti. Il ringraziamento del dirigente scolastico è andato quindi a Bruno Barucco, Antonio Poli, Amedeo Palini, Roberto Mostura, Piero Torosani, Giorgio Corini e, al suo esordio con i ragazzi del corso sulle calciature, Ferdinando Belleri.
A prendere la parola è stato poi il presidente della Comunità Montana di Valle Trompia, Massimo Ottelli, che ha ricordato come il comparto armiero sia un fiore all’occhiello, un’eccellenza italiana ed ha dichiarato che “Le istituzioni ci saranno sempre, a sostegno di questo progetto, perché la collaborazione tra il pubblico e il provato è l’unica soluzione percorribile”. Il sindaco della città di Gardone V.T., Pierangelo Lancelotti, ha osservato come lo sviluppo del Corso T.I.M.A. non si sia tradotto in una “campagna acquisti” solo in termini di nuovi iscritti e nuove leve per il settore, ma anche di nuovi docenti, e ha dato il benvenuto a Ferdinando Belleri, consulente della Fabbrica d’Armi Pietro Beretta ed esperto calcista. L’assessore Raffaella Contessa ha rimarcato invece come, parlando con gli studenti, sia emerso un importantissimo dato: l’ottimismo dei ragazzi verso il futuro inserimento nel mondo del lavoro, fondamentale, insieme alla professionalità specifica che questo corso permette di acquisire. È intervenuta poi Erika Belleri, delle Risorse Umane di Beretta, ribadendo che l’azienda crede da anni in questo progetto e continua a crederci. A concludere è Pierangelo Pedersoli, presidente del Conarmi, che ha parlato di un sogno, quello della formazione del maestro armaiolo, che si concretizza sempre più, rendendo il T.I.M.A. simile ad altre realtà a livello europeo, con la differenza che, nel caso del T.I.M.A., sono le aziende stesse ad essere coinvolte. “Il Conarmi – chiude – è sempre stato in prima fila per la riapertura della scuola armaioli e siamo felici ed orgogliosi di aver tanto insistito”.
Prima dei saluti finali, il dirigente scolastico ha infine ribadito la gratitudine a chi, anche quando infuriavano le polemiche sull’insegnare ai giovani a lavorare sulle armi o parti d’arma, ha creduto nel progetto. “Qui si insegna un lavoro – chiude- e invito i ragazzi a spremere quanto più possibile i loro insegnanti, a cogliere da loro tutto ciò che possono. Siate disponibili ad imparare, sempre”.

Greta Rambaldini


VALTROMPIASET certificata al Tribunale Ordinario di Brescia n° 41/2006 del 23/11/2006  -  Sito internet realizzato da InternetSol di Comassi Luca