<div style="background-color: none transparent;"><a href="http://www.agenparl.it" title="Agenparl News Widget">Agenparl News Widget</a></div>
lunedì 23 luglio 2018 | 00:11
 Edizione del 21/06/2018
 
 Prima pagina
 Valtrompia
 Cooperativa l'aquilone
 MISS & MISTER VALTROMPIA 2018
 IL GIORNALE DI LUMEZZANE
 Associazione Artigiani
 Gocce di storia
 Armando Dolcini
 CareDent
 Carta sprecata
 Inserzioni
 Edizioni precedenti
 Informazioni
 Contattaci
 Home page








DIRETTORE RESPONSABILE
Piero Gasparini
e-mail: direzione


REDAZIONE:
e-mail: redazione
Via San Carlo,5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473


SEGRETERIA:
e-mail: segreteria


GRAFICA:
ACV – AGENZIA GIORNALISTICA E PUBBLICITARIA
e-mail: grafica




PUBBLICITÀ:
La raccolta è affidata alla ACVPG
Via San Carlo, 5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473 –
E-mail: ACVPG





La CASA de L’ALPINO di IRMA

Leggi l'articolo completo in forma testuale ( clicca qui )



La CASA de L’ALPINO di IRMA
( VERSIONE TESTUALE )

Figli e nipoti di alpini cominciano ad essere ospitati in una casa presa in affitto dal Comune di Bovegno nella località di Irma. A questa struttura viene dato fin da subito il nome di “Casa de L’Alpino”. Nel 1933, prospettandosi difficoltà nel rinnovo del contratto d’affitto della struttura, si comincia a pensare all’acquisto di uno stabile da ristrutturare o ad una costruzione ex novo. La decisione all’unanimità durante il Consiglio del 5 luglio è per una costruzione nuova che risponda a requisiti di comodità, praticità con prospettiva di adattabilità nel tempo.
Dopo una serie di verifiche e contatti con vari Comuni che si offrono per ospitare sul loro territorio la costruenda casa (Zone, Bovegno, Tavernole, Lodrino) finalmente nel febbraio del 1938 si definiscono, con il Comune di Bovegno, le pratiche per la donazione del terreno. Il 19 giugno dello stesso anno, con una cerimonia specifica all’interno dell’Adunata sezionale, viene posata la prima pietra alla presenza dell’Eccellenza Manaresi, Comandante del “X° Reggimento Alpini”, tale era infatti la denominazione ufficiale dell’Associazione dal 1937, mentre prima tale definizione era usata come sinonimo.Il 20 ottobre del 1939 la Casa risulta terminata e si pensa all’arredo, recuperando anche quello della precedente struttura; nel 1940 non può essere aperta per disposizioni a livello nazionale relative agli Enti di beneficenza e si giunge al 1941 quando finalmente la “Casa de l’Alpino” di Irma può ospitare i figli e nipoti degli alpini, che necessitano di cure montane.

La CASA de L’ALPINO di IRMA è disponibile per attività di gruppo di scuole, parrocchie, associazioni.
La Sezione degli Alpini di Brescia, fondata il 14 Novembre del 1920, si interessa da subito anche dell’assistenza ai figli e nipoti di alpini, bisognosi di cure montane.


VALTROMPIASET certificata al Tribunale Ordinario di Brescia n° 41/2006 del 23/11/2006  -  Sito internet realizzato da InternetSol di Comassi Luca