<div style="background-color: none transparent;"><a href="http://www.agenparl.it" title="Agenparl News Widget">Agenparl News Widget</a></div>
lunedì 22 ottobre 2018 | 11:03
 Edizione del 18/09/2018
 
 Prima pagina
 Valtrompia
 Cooperativa l'aquilone
 Gocce di storia
 Armando Dolcini
 IL GIORNALE DI LUMEZZANE
 Associazione Artigiani
 Rotary Club Valtrompia
 CareDent
 Fausti 70° anniversario
 Speciale Lavorazioni Meccaniche
 Carta sprecata
 Spettacoli
 Inserzioni
 Edizioni precedenti
 Informazioni
 Contattaci
 Home page








DIRETTORE RESPONSABILE
Piero Gasparini
e-mail: direzione


REDAZIONE:
e-mail: redazione
Via San Carlo,5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473


SEGRETERIA:
e-mail: segreteria


GRAFICA:
ACV – AGENZIA GIORNALISTICA E PUBBLICITARIA
e-mail: grafica




PUBBLICITÀ:
La raccolta è affidata alla ACVPG
Via San Carlo, 5
Gardone V.T. (BS)
Tel/Fax 030 8913473 –
E-mail: ACVPG





GOCCE DI STORIA

Leggi l'articolo completo in forma testuale ( clicca qui )



GOCCE DI STORIA
( VERSIONE TESTUALE )

GIAMBATTISTA CAIM ED IL SUO PADRINO FORESTIERO
1834 marzo 22-23
Giambattista figlio di Giovanni Caim e di LuciaMorzenti “conuigi legittimi di questa parrocchia “ nasce a Lavone il 22 marzo 1834, alle dieci di sera; viene battezzato il giorno seguente dal parroco don Ghidoni. Il padrino è “Matteo Piasenti di Tavernole”, nativo della provincia di Bergamo, la levatrive è Caterina Bernardelli. Sono testimoni al rito Andrea bernardelli, “sacrista” della chiesa di S,Maria Maddalena, e Giammaria Piotti di Eto.

GIOVANNI FU MATTEO PIOTTI PERDE LA VITA IN MINIERA
1828 agosto 27-28
Giovanni maria Piotti di anni 51 manca ai vivi alle sette di mattina del 27 agosto 1828, sestando”ammassato nella miniera della Serva(il luogo non è meglio specificato dal copista),sotterrato e soffocato dal materiale cascatogli addosso”,Il 28 seguente lo scventurato viene sepolto, dopo i funerali, nel cimitero di San Nicolo di Eto.

È L’ACQUA CHE FA MALE….
1841 agosto 12
Angelo Frigerio”del fu Marc’Antonio”, di anni 62 circa ,manca ai vivi “ dopo aver avuto tutti i sussidj di religione” il 12 agosto 1841 alle ore 6 antimeridiane “ trovandosi in S.Colombano a bevere le acque nella casa della vedova Cantoni”, già moglie di Bortolomeo Ramazzini. A parere di don Giovanni Ghidoni, la causa della morte del 2 villeggiante è da attribuirsi all’acqua ingerita, rilevatasi evidentemente di scarso valireterapeutico,la salma del Frigerio viene tumlata il giorno successivo nel cimitero di S.Colombano.

LE NUOVE CAMPANE DI LAVONE
1847-48
Nel 1847 le due vecchie campane della parrocchiale di Lavone vengono “ sostituite da un concerto di cinque fornito dalla Ditta Giov.BattistaMonzini” la quinta campana “ rottasi sulla fine dell’anno di prova” è rifusa nel 1848.


VALTROMPIASET certificata al Tribunale Ordinario di Brescia n° 41/2006 del 23/11/2006  -  Sito internet realizzato da InternetSol di Comassi Luca